Casalieri's Blog

Adesso anche il blog !!!

In ONORE dei nostri caduti


Migliaia di post sul sito dell’Esercito: “Orgogliosi di voi”

Bossi: “Li abbiamo mandati, sono morti”
Un uomo sull’altare: “Pace”

Esequie di Stato. Napolitano si inchina davanti alle bare, il governo al completo. Il Papa: “Dio sostenga chi si impegna per la pace”. L’ultimo saluto del piccolo Martin al papà commuove la basilica: carezze alla foto e alla bandiera italiana Sul cielo di Roma le Frecce tricolore

LASCIA UN MESSAGGIO ALLE FAMIGLIE DELLE VITTIME

271730-baresanpaoloRoma, 21 settembre 2009 – 

Si sono svolti nella basilica di San Paolo fuori le mura i funerali dei sei parà uccisi nell’attentato a Kabul. Al passaggio di ciascun feretro, avvolto nel tricolore, i cittadini davanti alla basilica testimoniano il dolore e la solidarietà applaudendo “ai nostri eroi”. La piazza era immersa nel silenzio: solo gli applausi risuonavano nitidamente assieme allo sventolio dei tricolori.

 L’OMELIA – Monsignor Vincenzo Pelvi, ordinario militare per l’Italia, ha sottolineato che “le missioni di pace ci stanno aiutando a valutare da protagonisti il fenomeno della globalizzazione, da intendere anche come comunione e condivisione tra popoli, guidati dalla verità”. Pelvi ha ricordato uno a uno le vittime chiamandole per nome ed esaltando le loro vite vissute al “servizio della pace”. Ringraziamenti e parole di conforto per i familiari delle vittime. 

 UN URLO ROMPE IL SILENZIO – “Pace subito, pace subito”, scandisce un uomo durante i funerali. Si è avvicinato all’ambone, la colonna delle letture e le preghiere, durante lo scambio del segno di pace, e ha scandito più volte, ad alta voce, queste parole. Allontanato, è stato condotto fuori e accompagnato dai volontari del 118.

 “FOLGORE, FOLGORE” – I feretri dei sei parà vittime dell’attentato di Kabul, al termine della cerimonia, sono usciti tra interminabili applausi. Il loro passaggio è stato accompagnato dal grido “Folgore, Folgore, Folgore”. Intanto le Frecce Tricolore rendevano omaggio ai caduti sorvolando la basilica di San Paolo prima in orizzontale e poi in verticale, componendo una croce.

 LE AUTORITA’ – Governo al completo ai funerali. Tra i primi ad arrivare i ministri degli Esteri Frattini e della Difesa, Ignazio La Russa. Poi hanno fatto ingresso nella basilica i sottosegretari Gianni Letta e Paolo Bonaiuti, i ministri Bossi, Matteoli, Brunetta, Meloni, Tremonti, Calderoli, Prestigiacomo, Ronchi, Alfano, Scajola. Nella basilica è giunto anche il sottosegretario alla Protezione Civile, Guido Bertolaso. Presenti anche esponenti dell’opposizione.

 Alla basilica di San Paolo fuori le mura anche tutti i vertici delle Forze armate. Nelle prime file davanti all’altare sieedvano i capi di Stato maggiore dell’Esercito, dell’Aeronautica, della Marina militare e il comandante dell’Arma dei carabinieri. Giuseppe Valotto, Paolo La Rosa, Daniele Tei, Leonardo Gallitelli erano al fianco del direttore della Isi, Bruno Branciforte e di ex comandanti come Fabrizio Castagnetti e Giulio Fraticelli. Presente anche il capo della Guardia di finanza, Cosimo D’Arrigo. Per il ministero della Difesa c’era il sottosegretario Guido Crosetto, mentre il ministro Ignazio La Russa entra nella basilica al fianco del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

IL CAPO DELLO STATO – Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha accolto con un inchino l’arrivo delle bare dei sei militari uccisi a Kabul davanti all’altare della Basilica di San Paolo fuori le mura.

 BOSSI – “Li abbiamo mandati noi e sono tornati morti”. Questo il commento del leader della Lega, Umberto Bossi, mentre entrava nella basilica. “Ho votato anche io” per la missione in Afghanistan, “eravamo convinti che servisse a qualcosa, non certo a farli morire”, ha poi detto al termine della cerimonia. 

BENEDETTO XVI – Il Papa si dice “profondamente addolorato per il tragico attentato” e invoca la Vergine “affinché Iddio sostenga quanti si impegnano ogni giorno per costruire solidarietà e pace’’, nel telegramma inviato per le vittime dell’attentato a Kabul e letto durante i funerali.

 I FERITI AI FUNERALI – Alle esequie solenni c’erano anche i quattro militari rimasti feriti nell’attacco: il primo maresciallo dell’Aeronautica Felice Calandriello, i primi caporalmaggiori della Folgore Rocco Leo, Sergio Agostinelli e Ferdinando Buono.

 LA CAMERA ARDENTE – Ieri sono state oltre 10mila le persone che hanno visitato la camera ardente allestita all’ospedale militare del Celio per i sei militari uccisi in Afghanistan. Una folla di persone punteggiata da bandiere tricolori e ombrelli aperti per la pioggia ha atteso di fronte all’ospedale l’apertura della camera ardente dei sei militari uccisi in Afghanistan. Intorno alle 16 hanno iniziato a entrare per salutare i sei parà. Una lunga fila continuata fino a tarda sera, fino alla fine, di cittadini venuti per dare un ultimo saluto.

 L’ATTENTATO – Intanto sulla dinamica dell’attentato a Kabul, il generale Vincenzo Camporini, capo di stato maggiore della Difesa, ammette che “c’è stato uno scontro a fuoco” subito dopo l’esplosione dell’autobomba che ha ucciso sei soldati italiani e una decina di civili afgani. Da un’informativa redatta dagli investigatori che indagano sulla strage a Kabul sembra infatti che i quattro militari italiani sopravvissuti all’attentato abbiano risposto al fuoco piombato sulle loro teste subito dopo l’esplosione.

 Ma se gli italiani in Afghanistan subiscono ormai un attacco al giorno dai talebani, come ha rivelato il comandante della Folgore e responsabile del Regional Command West Herat, Rosario Castellano, nonostante il tragico attentato di Kabul “la situazione sul terreno per i militari italiani non cambia”, ha precisato il capo di Stato Maggiore della Difesa, Vincenzo Camporini. E anzi servono più ruppe per il controllo del territorio e ce ne saranno, ma “questo non vuol dire che il maggior apporto debba essere italiano”, ha sottolineato il ministro della Difesa Ignazio la Russa che pure in un intervista ha voluto sottolineare: “Lo dico con chiarezza, i nostri soldati non sono in Afghanistan solo per aiutare a ricostruire il paese. Sono lì per usare la forza giusta e combattere il terrorismo”.

——————–MIGLIAIA DI MESSAGGI SU ESERCITO.DIFESA.IT: ” GRAZIE A VOI, SIAMO FIERI DI ESSERE ITALIANI” 

di Letizia Gamberini

  Antonio Fortunato, Roberto Valente, Massimiliano Randino, Davide Ricchiuto, Giandomenico Pistonani e Matteo Mareddu sono nomi e volti nei pensieri di tutto il Paese. L’affetto e il cordoglio nazionale popolano il sito dell’Esercito italiano e sembra davvero che non ci sia regione o città rimasta indifferente al dramma delle giovani vite stroncate dall’attentato in Afghanistan.
 Anche chi non non ha potuto partecipare alla cerimonia funebre ha trovato il suo modo unico di esprimere un pensiero o una parola in un momento di raccoglimento per un’ Italia che è chiamata a fermarsi e a riflettere sul valore della vita e sui valori nazionali. Sono già migliaia, dunque, i messaggi di solidarietà di coloro che si stringono attorno ai famigliari dei sei militari.
 C’è che capisce il dramma e l’angoscia quotidiana di avere un parente in zone flagellate dalla guerra, come una donna di Napoli che scrive: “Onore ed orgoglio per 6 eroi….. anch’io ho mio fratello nei parà in Afghanistan…e mi piego a tanto dolore…condoglianze per le famiglie…” o di un’ anonima che ha commentato: “Orgogliosa, oggi più che mai, di essere la moglie di un militare; esprimo il grande condoglio alle famiglie dei sei EROI morti per la pace. GRAZIE”. O ancora: “Sono una moglie di un Carabiniere con diverse missione alle spalle, Dio solo sa l’apprensione che si prova ogni volta nel vederli andar via sapendo che quello potrebbe essere l’ultimo abbraccio o l’ultimo sorriso che lo sguardo incrocia così con tanto orgoglio ed amore, con i nostri figli in braccio, attendiamo il sospirato rientro. Non c’è nulla che placherà il lamento di una madre, di una moglie o di un figlio rimasto solo, che Dio vi benedica, vive condoglianze a tutti noi…”. La condivisione e la comprensione non si fermano: “Con grande dolore sono vicina alle famiglie dei militari caduti in Afghanistan e porgo a queste le mie sincere condoglianze per quello che è accaduto e che non deve più succedere,che la loro morte non sia vana ma serva a capire ancora di più il sacrificio di questi ragazzi. Sono vicina a tutti i loro familiari in particolare modo a quei bambini così piccoli che hanno perso il loro papà. Anche io ho un ragazzo militare che è stato in missione in Afghanistan lo scorso anno e sono vicina a lui con il mio cuore e orgogliosa di lui e sono vicina a tutti i nostri soldati che svolgono con onore e rispetto il loro lavoro. Sono orgogliosa dei nostri militari”.
 Moltissimi i messaggi di chi, nel momento del lutto e del dolore, sente più che mai il senso dell’appartenenza ad un’unità nazionale. Come chi scrive: “Orgoglioso di essere italiano! Mi inchino al vostro sacrificio” o “Un elogio ai nostri militari caduti per la nostra libertà. Il vostro sacrificio non sarà dimenticato, cordoglio e lutto riempono il nostro cuore ma consapevole dell’ alto sacrificio fatto anche per tutti noi. Condoglianze sincere e sentite. Per coloro che restano, sappiate che anche se in sordina, la nostra Beneamata ITALIA vi è sempre vicina”. Ancora: “Onore e orgoglio per i nostri giovani caduti a Kabul,nel massimo adempimento del loro dovere,come loro porto le stellette e questi tragici eventi elevano ad esempio il nostro spirito di fare sempre meglio per servire la nostra Patria. Con affetto orgoglioso di essere Italiano”.
 Profondi e sinceri i messaggi di dolore per chi, ingiustamente, è morto troppo giovane e senza un senso: “Anche il cielo piange attraverso la pioggia, i nostri valorosi soldati. Un abbraccio sentito a tutte le famiglie,ai feriti che nonostante si siano salvati avranno dentro un vuoto incolmabile e a tutti i paracadutisti della Folgore, i carabinieri, i militari dell’esercito che sono in missione in paesi lontani e pericolosi”. Molti li pensano come angeli custodi: “Sono vicina a queste famiglie e tutti i nostri ragazzi che stanno lì. Grazie ragazzi per quello che date possiamo solo pensare ogni volta che alzando gli occhi al cielo che quelle sei anime ora sono angeli…”.
 BOLOGNA Campane a mortoMODENA Messa all’Accademia militareDOLORE Folla alla camera ardenteFORUM IN TILT Don Giorgio senza vergogna: “Militari farabutti e criminali”RICORDI I volti e le storie degli eroi

Annunci

21 settembre 2009 - Posted by | Articoli, Politica | , , , , , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: