Casalieri's Blog

Adesso anche il blog !!!

Vertenza “Phonemedia”: le preoccupazioni della Cgil


Ripreso da MY Catanzaro

Cgil La situazione per i lavoratori del gruppo Phonemedia continua ad essere tutt’altro che rassicurante. Ancora ad oggi non risultano pagati gli stipendi di Agosto e Settembre, né si hanno notizie certe su quando avverranno i pagamenti delle spettanze dovute. Lo scorso 15/09 si sono svolti gli incontri tra le Organizzazioni Sindacali ed i vertici dell’azienda Phonemedia, per quel che concerne i siti produttivi di Catanzaro e Vibo Valentia, sollecitati dalle proteste messe in atto dai lavoratori del gruppo, sfociata nella manifestazione dello scorso 11 Settembre. Una manifestazione in concomitanza dello sciopero nazionale di tutte le aziende del gruppo Raf-Phonemedia, che ha visto un nutrito corteo, con la partecipazione di circa un migliaio tra lavoratrici e lavoratori del sito produttivo di Catanzaro. La manifestazione era volta a sensibilizzare l’opinione pubblica su quanto accaduto, ed accade tuttora in questa azienda, con la finalità di sollecitare l’intervento ed il sostegno politico delle istituzioni, alla luce degli ingenti fondi pubblici ricevuti dai fondi POR Calabria. Da quella iniziativa sono scaturiti tutta una serie di incontri con le istituzioni locali, che hanno mostrato il loro sostegno alle organizzazioni sindacali in questa vertenza che vede coinvolti circa 2500 persone all’interno della regione Calabria. Dall’incontro del 15/09 tra le organizzazioni sindacali ed i vertici delle aziende Phonemedia ed Omega, dapprima è stato dichiarato il passaggio di consegne da Phonemedia a Omega. Successivamente, per voce del consigliere d’amministrazione di riferimento di Omega, Sebastiano Liori, l’azienda ha chiesto alle organizzazioni sindacali ulteriore tempo per superare i passaggi burocratici di consegne tra le due aziende, anticipando ulteriori sacrifici per i lavoratori. In merito ai pagamenti delle spettanze del mese di Agosto, ancora dovute all’aziende. L’azienda dichiarava pertanto un ritardo di 20 giorni nel pagamento degli stipendi fino a fine 2009, per poi mettersi a regime dall’inizio del 2010. Al termine di quell’incontro le segreterie regionali di SLC e Uilcom, contrariamente ad altre organizzazioni sindacali, si dichiararono completamente insoddisfatte delle dichiarazioni dell’azienda. Come SLC-CGIL Calabria sollecitammo l’azienda a confrontarsi a livello nazionale innanzi il Ministero dello Sviluppo Economico, presentando un piano industriale, serio e concreto, al fine di comprendere il futuro dei lavoratori di questa azienda. Ancora ad oggi tutte le dichiarazioni aziendali sono state disattese ed ancor peggiore risulta essere la situazione, alla luce dell’incontro tra le segreterie nazionali di SLC-Fistel e Uilcom e l’azienda presso il Ministero dello Sviluppo Economico. “In questa azienda regna la confusione – ha dichiarato Carchidi della SLC-CGIL- ancora ad oggi i vertici aziendali non hanno chiaro il quadro sul futuro del gruppo”. “È con totale sconcerto e completa insoddisfazione – prosegue l’esponente della CGIL – che registriamo le dichiarazioni dell’azienda”. “Per quel che concerne gli assetti societari, registriamo l’avvenuto passaggio, per voce aziendale, in data 27/09, quindi in totale contraddizione di quanto l’azienda stessa aveva precedentemente affermato nell’incontro del 15/09 nelle sedi di Vibo Valentia e Catanzaro. In merito al risanamento ed ai problemi di liquidità l’azienda al tavolo ministeriale non ha saputo dare alcuna notizia certa”. “Il tavolo nazionale ha dato dunque conferma di quanto come SLC Calabria avevamo denunciato a margine dell’incontro dello scorso 15/09 – prosegue Carchidi – una totale inaffidabilità di questa azienda, che innanzi ad una crisi di siffatte proporzioni non è nelle condizioni di presentare un serio piano di sviluppo”.”Nei prossimi giorni saranno indette delle assemblee tra i lavoratori – ha affermato in conclusione il giovane sindacalista – al fine di valutare, insieme ai lavoratori, le più idonee forme di protesta nei confronti di una azienda che sta giocando con il futuro di oltre 2500 famiglie calabresi”.

Annunci

2 ottobre 2009 - Posted by | Articoli, Lavoro, Politica | , , , , , , , , , , , , , , ,

2 commenti »

  1. MPS ha preso le distanze dal comportamento del Gruppo e ha ribadito il suo impegno e la sua attenzione nei confronti delle condizioni di lavoro in Eutelia/Agile e il Presidente e il Direttore generale del Gruppo bancario incontrerà una nostra delegazione lunedi’ prossimo.

    Ieri a Siena abbimamo così avuto la conferma.
    Tutto e’ stato organizzato dal MPS.
    Le loro dichiarazioni non hanno che confermato il comportamento che sia Eutelia sia Agile/Omega hanno sempre avuto con noi.
    Comprensione, serieta’ solidarietà e buone intenzioni nelle parole ….. assassini nei fatti.

    Commento di L I N G U A B I F O R C U T A | 3 ottobre 2009 | Rispondi

    • Fateci sapere cosa Vi hanno detto di preciso, a Pistoia la situazione è sempre più pesante ogni giorno che passa, non arrivano segnali da alcuna parte ed in queste situazioni le mezze voci la fanno da padrone spargendi i sentito dire e/o riferiti da altri all’esterno.

      Commento di io | 7 ottobre 2009 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: