Casalieri's Blog

Adesso anche il blog !!!

Omsa Faenza: 320 lavoratrici rischiano il posto.


Padron Grassi vuole delocalizzare dove il lavoro costa… niente!

Il link dell’articolo originale : http://www.pane-rose.it/files/index.php?c3:o16638

Padron Grassi e la sua famiglia possiede la OMSA, il prestigioso marchio di calze noto in tutto il mondo: ha fabbriche un po’ ovunque in Italia, oltre che nella “sua” Castiglione delle Stiviere (MN) dove, da anni, oltre ad essere il punto di riferimento dell’imprenditoria locale e il precursore della trasformazione dei calzifici da laboratorio nel garage sotto casa a impresa, rappresenta l’eminenza grigia del potere politico locale targato PDL.

Non si è mai risparmiato per lanciare il prodotto di qualità: partito da casa ha fondato la Golden Lady e poi acquisito i marchi concorrenti, fino alla prestigiosa OMSA, anni fa ha ingaggiato persino Kim Basinger per pubblicizzare i suo collant, insistendo che nella sua azienda continuava a respirarsi il clima familiare degli esordi. Ma i bei tempi sono finiti, la concorrenza c’è ed anche vicino a casa e le operaie … costano! Per cui il clima familiare è tornato ad essere condiviso ma solo dai parenti stretti, quelli veri.
Allora non resta che delocalizzare, partendo proprio dalla storica sede dell’ OMSA di Faenza: 320 posti di lavoro, quasi tutte donne, a forte rischio perché pare che il padrone abbia già avviato le procedure per portare i macchinari all’estero dove ovviamente la manodopera esegue lo stesso lavoro, qualità compresa, per un tozzo di pane e in più, non rivendica diritti. Le operaie di Faenza, soprattutto per merito della RSU, stanno organizzando la protesta, lo smarrimento e la delusione di chi ha creduto davvero nella politica dei Grassi e nella favola della famiglia, stenta ancora adesso a crederci perché dopo decenni di lavoro, straordinari, abnegazione, riduzione al minimo delle rivendicazioni sindacali, la sorpresa è stata infinita. Eppure è così, il padronato ha una faccia sola e un solo interesse, quello del profitto: il proprio. Di operai disposti a lavorare a meno e che non protestano, se ne trovano a centinaia, le distanze poi con i paesi dell’est, meta del trasloco, ormai sono irrisorie, così come i costi per trasportare prodotti finiti che non hanno nulla da invidiare a quelli di qualità prodotti in Italia. Anche i trasportatori dell’est, del resto, costano molto meno, lavorano di più e non pongono condizioni contrattuali…
La manifestazione di sabato in piazza a Faenza alla quale anche la cittadinanza ha dato la propria convinta solidarietà, è stata il primo importante passo per cercare, almeno, di iniziare un dialogo che come ormai avviene d’abitudine, non è nemmeno stato iniziato, giacché concertazione col sindacato oggi significa proprio questo: il padrone può fare quello che vuole!

Annunci

15 gennaio 2010 - Posted by | Articoli, Lavoro | , , , , , , , , , , , , , , ,

5 commenti »

  1. Vorrei iniziare dicendo VERGOGNA!!!!!
    Come seconda cosa vorrei dire a tutte le donne d’Italia e in particolare a quelle dell’Emilia Romagna di fare NON COMPERARE PIU’ calze calzini maglie e magline prodotte a MANTOVA e provincia. DONNE NON ANDATE PIU’ NEI CENTRI: GOLDENPOINT-CALZEDONIA-INTIMISSIMI-ECC. In Italia ci sono tantissime altre aziende che producono calze. MI RACCOMANDO SIATE SOLIDALI CON TUTTE QUELLE DONNE CHE HANNO PERSO LAVORO.
    PRIMA DI OGNI ACQUISTO CONTROLLATE LA PROVENIENZA DEL PRODOTTO…… GRAZIE A TUTTE/I.!!!!!!!!!

    Commento di francesca | 21 gennaio 2010 | Rispondi

    • si puo’ rendere pubblico un elenco di aziende italiane che producono calze? prima di acquistare un prodotto guardo sempre dove e’ stato confezionato, dobbiamo imparare a farlo tutti!!!

      Commento di Anonimo | 8 gennaio 2012 | Rispondi

  2. NON COMPRERO’ MAI PIU’ MARCHE OMSA & C.

    LE VENDESSERO LADDOVE LE FARANNO PRODURRE!!

    Commento di Lina | 1 marzo 2010 | Rispondi

  3. E’ inacettabile che Omsa, una delle poche aziende ancora in attivo voglia delocalizzare la produzione! Un appello per tutte le donne Italiane: boicottate tutti i prodotti golden lady. Se volete dare una mano potete anche iscrivervi al gruppo Boicotta Omsa su facebook:http://www.facebook.com/group.php?gid=256386488695#!/bomsa.boicottaomsa?ref=mf
    Insieme possiamo fermarli!
    Grazie a tutti, spero in una massiccia partecipazione.

    Commento di David | 8 giugno 2010 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: