Casalieri's Blog

Adesso anche il blog !!!

Incontro Golden lady-Sindacati del 4 febbraio

Giovedì 4 febbraio presso la sede di Confindustria di Ravenna, avrà luogo l’
incontro tra la proprietà “Golden Lady” e i sindacati.
La speranza è che ne vengano novità positive, rispetto al precedente in
cui era stata dichiarata la chiusura definitiva dello stabilimento. Un’eventuale chiusura e basta significherebbe non solo
la sconfitta delle lavoratrici OMSA, ma segnerebbe pesantemente la storia italiana del lavoro delle donne, sempre prime ad essere espulse dal mercato del lavoro, in tempi di crisi.
Si parla tanto di violenza nei confronti delle donne, limitandosi alla
violenza sessuale, ma questa pure è violenza sulla persona delle donne, che rappresentano comunque, nella nostra società, la parte debole e quella che paga per tutti, restando priva di autonomia e in balia del potere maschile.
Qui lo stabilimento chiude non per l’impossibilità a produrre o per
scarsità della domanda di mercato; qui si chiude bottega alla ricerca di altro profitto ancora, attraverso la spasmodica ricerca di manodopera a basso costo in Serbia, come se non ci fosse limite al profitto che si può trarre dai propri beni, come se la proprietà dell’OMSA dovesse vivere in eterno.
Ed in Serbia, anche in Serbia, verranno sfruttate altre persone, forse
altre donne, che verranno sottopagate, a parità di lavoro con le lavoratrici
italiane, comunque sfruttate.
Deve esserci un limite oltre il quale anche agli imprenditori non sia
consentito andare e, benché non lo determini la legge, quel limite si
chiama “pudore”, di cui questa razza di padroni non conosce il senso.

Patrizio e Raffaella

articolo originale da facebook :

http://www.facebook.com/inbox/?ref=mb#/inbox/?folder=[fb]messages&page=1&tid=1283081208909

Annunci

2 febbraio 2010 Posted by | Articoli, Economia, Lavoro | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Usa: budget, Obama propone tassa banche

Come misura per la combattere la crisi finanziaria

La finanziaria 2011 prevede una tassa di responsabilita’ per la crisi finanziaria sulle maggiori istituzioni finanziarie del paese. Questo, si legge nella documentazione diffusa dalla Casa Bianca, ”per ripagare i contribuenti della straordinaria azione assunta attraverso il Tarp e per ridurre la propensione al futuro rischio”. La misura, proposta dal presidente Obama, fara’ entrare nelle casse dello Stato 90 miliardi di dollari in 10 anni.

2 febbraio 2010 Posted by | Articoli, Lavoro | , , , , , , , , | Lascia un commento

Alcoa: azienda: bene Berlusconi

Kleinfeld, senza ok Bruxelles obbligati a stop impianti e Cig

La chiusura degli impianti italiani di Alcoa potra’essere rinviata solo con una”approvazione scritta della commissione europea”. Cosi’ il presidente della multinazionale Usa, Kleinfeld, in una lettera al premier Berlusconi.In particolare deve essere attestato che la soluzione proposta sull’abbattimento dei costi energetici”e’sicura e legale”o ci deve essere una”assicurazione scritta”, da parte dei vertici della commissione stessa, ”che si esprimano su proposta entro febbraio”.

articolo originale :

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/economia/2010/02/01/visualizza_new.html_1679548660.html

2 febbraio 2010 Posted by | Articoli, Lavoro | , , , , , , | Lascia un commento