Casalieri's Blog

Adesso anche il blog !!!

Eutelia, il governo si impegna sulle commesse


Un tavolo istituzionale fra tre settimane, il 22 febbraio, a stretto giro dall’udienza del Tribunale, prevista il 17. E’ questo il timing fissato questa sera a Palazzo Chigi per i circa 3.000 lavoratori Agile-Omega, da sette mesi senza stipendio.

Il tavolo, che coinvolgera’ Regioni, Province ed enti locali interessati alle commesse al gruppo Omega, e’ stato convocato alle 19.00, mentre gia’ il 12 si terra’ al ministero dello Sviluppo economico un’istruttoria sul ramo call-center del gruppo che fa capo a Phonomedia (6.500 dipendenti), anche questo in difficolta’.

La vicenda dell’ex Eutelia, nata con la cessione del ramo di It, e del gruppo di lavoratori ex Olivetti e Bull, ad Agile, ha gia’ registrato, a fine dicembre, il sequestro dei beni aziendali da parte del Tribunale civile di Roma, che ha nominato tre custodi giudiziari che stanno seguendo la gestione dell’impresa in attesa, appunto, del prossimo pronunciamento, il 17 febbraio, che potrebbe decidere l’amministrazione straordinaria.

Per affrontare il problema dei dipendenti del gruppo Omega, occorre “tenere conto che c’e’ un procedimento penale aperto che ci porta a poter fare solo il punto della situazione”, ha spiegato, in apertura del tavolo, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta.

“E’ stata accolta la nostra richiesta di aprire un tavolo istituzionale per Agile per affrontare sia il tema della commesse che quello dell’occupazione, ma c’e’ anche il grande problema, che si aggrava, nel call center”, ha spiegato il leader della Cgil, Guglielmo Epifani. “La soluzione della vertenza, quindi, non e’ vicina – ha aggiunto – bisogna lavorare duramente, e il futuro e’ tutto da costruire”. Per i dipendenti di Phonomedia, ha annunciato il segretario confederale della Uil, Paolo Pirani, “si apre domani la strada legale con la prima richiesta di insolvenza per un’azienda del gruppo, che verra’ presentata al Tribunale di Novara”. Anche Pirani ha sottolineato che, oltre all’assenza degli stipendi per i lavoratori, si e’ “di fronte all’interruzione di tante commesse pubbliche”. “Alcune importanti commesse come Acea, Poste, Camera dei Deputati e Rai sono state disdette”, gli ha fatto eco il segretario confederale della Cisl, Annamaria Furlan, spiegando che “questa emorragia va fermata” e chiedendo che le commesse pubbliche siano “blindate”.

articolo originale :

http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=137484

Annunci

2 febbraio 2010 - Posted by | Articoli, Lavoro | , , , , , , , , , , , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: