Casalieri's Blog

Adesso anche il blog !!!

Call center, uno spiraglio per i lavoratori di Conversa.


di Ester Crea

Per i lavoratori di Phonemedia, Eutelia, Omnianetwork qualcosa si muove. A Napoli un gruppo di avvocati ha infatti deciso di procedere contro Omnianetwork e Mediaset per i mancati pagamenti degli stipendi dei dipendenti del call center di Conversa, lasciati per strada dai manager di Voicity (ex Omnianetwork) grazie ad uno spregiudicato gioco di scatole cinesi. Codice civile alla mano, i legali sono infatti convinti che entrambe le società, la prima in quanto appaltatrice e l’altra in quanto committente, avrebbero delle responsbilità dirette nei confronti dei dipendenti delle società in subappalto.

Intanto, per richiamare l’attenzione sulla loro situazione, gli ex dipendenti di Voicity, rimasti senza lavoro pur non essendo mai stati licenziati, in cassaintegrazione senza cassa e senza stipendio da novembre, hanno deciso di aprire un gruppo su Facebook (“I Cassa Dis-Integrati di Conversa Omnianetwork”). Bruno Santoro è tra gli animatori del gruppo. Al telefono ci racconta di una manifestazione inscenata lo scorso 23 aprile davanti alla sede della Regione Campania, a Santa Lucia. In Campania, la Omnianetwork, ha chiuso due siti, Conversa, a Casalnuovo di Napoli, e l’altro a Vitulazio (Ce), che davano lavoro complessivamente a 500 persone. “Non possiamo accettare dopo essere stati presi in giro da manager senza scrupoli, – avverte Santoro – di non aver diritto al sostegno necessario per vivere quotidianamente”.

Insieme a lui c’è Rino Rinaldi (sposato, monoreddito, un mutuo da pagare, va a mangiare a casa dei genitori). “Che vogliamo fare? Aspettiamo che che qualcuno di noi compia qualche atto disperato? Noi non siamo disposti ad aspettare una cosa del genere”. Il problema è che al momento i fondi per il 2010 sono bloccati ed attendano il decreto interministeriale di Tremonti e Sacconi.

Le difficoltà di accesso sono dovute anche al cambio al vertice della Regione Campania. E ora i lavoratori chiedono al presidente Caldoro e ai responsabili del settore della giunta uscente di trovare una soluzione che velocizzi l’effettivo accesso alla cassa integrazione per i lavoratori di Conversa. La soluzione, ancorché temporanea, per questi lavoratori potrebbe essere quella di accedere intanto al residuo dei fondi stanziati per il 2009. Ma occorre un impegno politico su questo fronte. Impegno che a tutt’oggi non è stato particolarmente incisivo. Anzi. Proprio la politica ha dato credito e finanziato i manager che hanno la responsabilità di aver messo per strada queste persone, attraverso fondi di sostegno all’occupazione.

Parliamo dei manager di Omnianetwork (il gruppo a cui fino all’estate scorsa faceva capo il call center di Conversa), di cui più nessuno si cura. “Non è possibile accettare che vi siano società che possano liberarsi di 2500 dipendenti e dei loro Tfr dall’oggi al domani con la semplice cessione di partecipazioni a società fittizie, nel caso prima la Alba Rental e poi la Voicity Holding, che non sono nient’altro che scatole vuote”, avverte Rinaldi. Di sicuro per questi lavoratori la partita non finisce qui.

articolo originale :

http://www.conquistedellavoro.it/cdl/it/Archivio_notizie/2010/Aprile/info124863501.htm

Annunci

29 aprile 2010 - Posted by | Articoli, Lavoro | , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: