Casalieri's Blog

Adesso anche il blog !!!

Phonemedia, i lavoratori vittime del gioco delle scatole cinesi


L’accusa è truffa a danni dello Stato. Gli illeciti si concentrano nel mezzogiorno e ammontano a circa 34 milioni di euro

La Guardia di Finanza di Catania ha scoperto serie di irregolarità e di comportamenti societari illegali messi in piedi dal gruppo Phonemedia.I dipendenti della società dal mese di settembre del 2009 non ricevevano più lo stipendio e inoltre si trovavano nell’assenza di qualsiasi forma si ammortizzatore sociale in quanto l’azienda non aveva dichiarato lo stato di crisi. L’accusa è truffa a danni dello Stato. Gli illeciti si concentrano nel mezzogiorno e ammontano a circa 34 milioni. La truffa consisteva nel richiedere i fondi per le imprese in aree disagiate e la stabilizzazione di lavoratori precari per poi licenziarli o riassumerli con contratti vantaggiosi per l’azienda.

Ieri la Guardia di Finanza di Catania ha messo a nudo la realtà vera della vicenda che ha riguarda i lavoratori dei call center del gruppo Phonemedia. I dipendenti della società dal mese di settembre del 2009 non ricevevano più lo stipendio e inoltre si trovavano nell’assenza di qualsiasi forma si ammortizzatore sociale in quanto l’azienda non aveva dichiarato lo stato di crisi.

I lavoratori avevano da subito denunciato una serie di irregolarità e di comportamenti societari illegali che sono finiti nel mirino della procura etnea. Il risultato dell’inchiesta ha portato all’arresto di almeno dieci persone e al sequestro di beni per 130 milioni di euro. L’accusa è truffa a danni dello Stato. Gli illeciti si concentrano nel mezzogiorno e ammontano a circa 34 milioni. La truffa consisteva nel richiedere i fondi per le imprese in aree disagiate e la stabilizzazione di lavoratori precari per poi licenziarli o riassumerli con contratti vantaggiosi per l’azienda.

Per Riccardo Sacconi della Slc-Cgil nazionale «la notizia conferma quelle che erano le nostre analisi. Non siamo di fronte una normale crisi ma probabilmente c’è qualcosa di più articolato che non aveva niente a che fare con un progetto industriale ma, se le indagini della magistratura verranno confermate, con delle speculazioni belle e buone».

Infatti a finire sotto inchiesta sono ben quattro società ( la B2b con sede legale a Catania e call center a Trapani; la Multimedia planet srl, titolare dei contact center di Trapani e Bitritto in provincia di Bari; la Multivoice srl di Catanza e la Soft4web di Vibo Valentia) terminali dell’ormai complicato e lucroso gioco delle scatole cinesi. Gli inquirenti sono dovuti arrivare fino in Lussemburgo per rintracciare la Amt Europa (che dipende a sua volta dalla da una società di diritto con sede nel Delaware e uffici in Svizzera e gestita dalla Techne capital Ltd con uffici in Svizzera e Singapore) che controlla la Amt Italia srl dalla quale dipendono completamente le società al centro dell’indagine.

Ora l’urgenza è quella di far erogare la cassa integrazione ai lavoratori che attraverso il commissariamento hanno la possibilità di avere almeno un interlocutore. «Si conferma anche la giustezza di aver intrapreso una strada lunga come quella del commissariamento – spiega Sacconi – perchè in caso contrario ci troveremo di fronte all’ennesima realtà depredata da comportamenti illeciti e tutto sarebbe finito lì».

A palazzo Chigi è aperto un tavolo tra governo e sindacati anche se al momento gli spiragli sono pochi, infatti «c’è un problema che deve essere fatto presente anche a Palazzo Chigi – ricorda sempre Sacconi -, che questa proprietà ha lasciato queste aziende in uno stato pietoso, noi abbiamo firmato la prima cassa integrazione più di due mesi fa, abbiamo avuto problemi enormi anche solo a fornire all’Inps l’elenco delle persone che avevano diritto alla cassa integrazione. Ora il problema serio sarà quello di fare l’inserimento delle domande tutti mesi perchè queste aziende non hanno più un soldo e la curatela dice di non sapere a chi far fare questa attività».

articolo originale :

http://www.agenziami.it/articolo/6262/Phonemedia%20i%20lavoratori%20vittime%20del%20gioco%20delle%20scatole%20cinesi%20/

Annunci

7 maggio 2010 - Posted by | Articoli, Lavoro | , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: