Casalieri's Blog

Adesso anche il blog !!!

Phonemedia, un arresto


La procura di Novara indaga sul crac dell’azienda dei call center

IVREA.

E’ stato raggiunto da un ordine di custodia cautelare Claudio Marcello Massa, uno dei responsabili del gruppo Omega, società coinvolta nei fallimenti di società acquisite in varie zone d’Italia, da Eutelia-Agile a Raf-Phonemedia, che hanno lasciato senza lavoro migliaia di persone. 

Uno dei call center di Raf-Phonemedia si trovava proprio a Ivrea e occupava un centinaio di lavoratori, per lo più donne. Donne in cassa integrazione in deroga e in attesa di un piano serio di ricollocazione, anche per consentire la proroga degli ammortizzatori sociali ora in scadenza.

Il provvedimento è stato adottato dal Gip del Tribunale di Novara, su richiesta della Procura della Repubblica, nell’ambito delle indagini sul fallimento di Raf-Phonemedia (circa 700 dipendenti, in cassa integrazione straordinaria in scadenza il prossimo 24 febbraio) deciso lo scorso 11 novembre dallo stesso Tribunale di Novara.

L’ordinanza è stata notificata nei giorni scorsi a Claudio Marcello Massa, a Roma, dove si trovava agli arresti domiciliari per l’inchiesta gemella relativa al fallimento del call center Agile-Eutelia (11 milioni di euro) per la quale era stato arrestato, il 10 luglio scorso, insieme ad altre sette persone.

Massa è accusato ora dalla Procura di Novara di una serie di reati collegati al fallimento di Raf-Phonemedia che – secondo le contestazioni dei pm – sarebbero stati compiuti prima della dichiarazione fallimentare.

In particolare, gli investigatori della Guardia di Finanza, che hanno condotto le indagini, sono convinti che il passaggio delle quote di Raf-Phonemedia dal precedente proprietario Fabrizio Cazzago (indagato dalla Procura di Novara per bancarotta) a Omega, attraverso società di diritto lussemburghese, abbia avuto come unico scopo quello di impoverire la società di partenza da lasciar poi fallire.

Il gruppo di Raf-Phonemedia è stato creato da Fabrizio Cazzago, a Novara, ed era diventato il primo in Italia nel settore dei call center, con circa settemila dipendenti. Due anni fa le cose erano cominciate a cambiare, tanto che Cazzago aveva conferito la proprietà, attraverso una catena societaria, al fondo lussemburghese Jdc Investment. Ma è stata l’acquisizione di tutto il gruppo da parte di Omega (una Spa la cui catena proprietaria arriva fino a Londra, a due finanziarie, la Restform Limited e la Anglo Corporate Management Limited) a segnare la fine di Raf-Phonemedia.

Secondo gli investigatori, l’intento del management di Omega, indagati da varie Procure italiane, è stato evidente fin dai primi momenti: spogliare le società del gruppo Raf della liquidità in cassa e poi lasciare che tutto finisse in fallimento.

L’inchiesta, coordinata dal pm Marco Grandolfo, è stata avviata nel novembre 2009 con l’ipotesi di reato di bancarotta fraudolenta.  A marzo nel registro degli indagati sono stati iscritti Fabrizio Cazzago e i suoi successori ai vertici del gruppo, fra i quali Claudio Marcello Massa.

Articolo originale :

http://lasentinella.gelocal.it/cronaca/2011/01/10/news/phonemedia-un-arresto-3147002

Annunci

26 gennaio 2011 - Posted by | Articoli, Economia, Lavoro | , , , , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: