Casalieri's Blog

Adesso anche il blog !!!

Occupazione uffici della Carlo Colombo S.P.A. da parte dei cassaintegrati

Oggi lunedì 29 marzo 2010 i lavoratori in cassaintegrazione della Carlo Colombo Spa hanno occupato gli uffici della sede centrale di Milano, in via B.Crespi 17, per protestare contro l’atteggiamento di totale chiusura dell’Azienda riguardo agli accordi presi in tema di ricollocazione degli esuberi, prepensionamenti ecc.
I lavoratori sono decisi a mantenere l’occupazione finché l’Azienda non darà delle serie garanzie di voler rispettare gli accordi presi più di un anno fa con i lavoratori e il sindacato.

La Carlo Colombo S.p.A. è una società produttrice di trafilati e piatti in rame. Nel gennaio 2009 attiva una procedura di mobilità per 81 lavoratori nella sede di Agrate Brianza con conseguente chiusura del sito. Con accordo firmato dinanzi al Ministero del lavoro si impegna al mantenimento in CIGS per due anni (verbale di accordo sindacale dell’ottobre 2008).
Ad ottobre 2009 la Confindustria comunica che non ci sono le condizioni per la concessione del secondo anno di CIGS perché non si è raggiunto il target. Gli esuberi non sono stati ben gestiti. Tale compito spettava alla Carlo Colombo, che se ne lava le mani e la soluzione è 77 lavoratori in mobilità! Dopo le proteste dei lavoratori, la Regione concede per il 2010 la Cassa Integrazione in deroga, ossia l’Azienda scarica sulla collettività i costi che si era impegnata a versare lei.
La Carlo Colombo produce componenti in rame che nel nostro paese non certo si può definire un mercato in crisi, però preferisce chiudere il sito di Agrate e spostare la produzione altrove per massimizzare i suoi profitti. I soggetti pubblici che hanno supervisionato l’accordo e gli enti preposti al monitoraggio dell’industrializzazione e dei livelli occupazionali cosa fanno? Nulla, stanno a guardare altre 77 famiglie che resteranno senza mezzi di sostentamento.
I lavoratori decidono di entrare in uno stato di agitazione permanente. Abbiamo fatto due manifestazioni a Milano sotto gli uffici della ditta, siamo andati alla Regione, alla Provincia, al Comune di Agrate, abbiamo fatto un picchettaggio ai cancelli dell’altro stabilimento della Colombo, a Pizzighettone, ma l’Azienda continua a rimanere indifferente agli impegni presi.

Per questo, se l’Azienda non si interessa di ricollocarci presso altre aziende come si era impegnata a fare, abbiamo deciso di ricollocarci noi nei suoi uffici, a tempo indeterminato.

Milano 29 Marzo 2010

IL video relativo   http://www.youtube.com/watch?v=ljCGnaAPCX8

articolo originale :

http://www.pane-rose.it/files/index.php?c3:o17222

30 marzo 2010 Posted by | Articoli, Lavoro | , , , , , , , , | 2 commenti

Lettera aperta al Presidente del Consiglio

Anche se già pubblicata qualche tempo fà ho ritenuto necessario reinserirla per mantenere viva la memoria, caso mai qualcuno se ne fosse dimenticato, con la tipologia di personaggi che esistono e che cosa possono arrivare a “dire”.

http://www.wikio.it/article/lettera-aperta-presidente-silvio-151368719

15 gennaio 2010 Posted by | Articoli, Economia | , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Lavoro, da mesi senza paga in 600 occupano call center

Da agosto non percepiscono lo stipendio, per questo circa 600 dipendenti del call center Answers hanno occupato la sede pistoiese dell’azienda, in un ex capannone industriale

Circa 600 dipendenti del call center Answers hanno occupato oggi la sede pistoiese dell’azienda, in un ex capannone industriale. La protesta, spiegano, riguarda il mancato pagamento degli stipendi da agosto. Nel settembre scorso, per lo stesso motivo, un gruppo di dipendenti della Answers si incateno con rotoli di carta igienica di fronte allo stabilimento, mentre, nell’ottobre scorso, durante uno sciopero, circa 300 manifestanti occuparono pacificamente per un paio di ore una sala del palazzo comunale. Oggi, dopo una serie di incontri con le istituzioni ai quali non sono seguite risposte dell’azienda, i dipendenti hanno proclamato assemblea permanente, occupando l’immobile.

11 novembre 2009 Posted by | Articoli, Economia, Lavoro | , , , , , , , , | 1 commento