Casalieri's Blog

Adesso anche il blog !!!

PISA: RINVIATA LA DECISIONE SULLA C-GLOBAL

giovedì 27 gennaio 2011 18:36
Niente giorno del giudizio per i dipendenti della C-Global, che rimangono col fiato sospeso fino alla prossima settimana ma. Oggi era attesa la decisione del tribunale di Pisa sul trasferimento di 65 lavoratori da Ospedaletto alle di di Collecchio, in provincia di Parma. Ma il giudice del lavoro , Vincenzo Turco,  ha chiesto ai dirigenti di C-Global nuovi documenti, prima di  pronunziarsi sulla sospensione e sulla legittimità dei trasferimenti  di 65 dipendenti  del gruppo di servizi bancari. a Ospedaletto a  Collecchio (Parma). 

Ed ha fissato una nuova udienza per il prossimo 1  febbraio. All’udienza di mercoledì, i cui esiti sono stati resi noti questa mattina, i legali che difendoo i lavoratori iscritti a Fiba e  Fisascat Cisl avevano riepilogato i motivi del ricorso contro i  trasferimenti. Il più significativo: un accordo firmato il 5 febbraio dello scorso anno  2010 da management del gruppo Cedacri-C-Global  e sindacalisti in  occasione della fusione di C-Global con C-Banking; un accordo dove si  confermava la permanenza delle sedi toscane del gruppo. Ma nel maggio 2010 il consiglio di  amministrazione di C-Global del maggio 2010 decideva di chiudere le agenzie di stabilimeti di Pisa e Firenze per ottimizzare i costi di gestione. I legali di C-Global, nell’udienza di mercoledì, hanno difeso la  libertà di scelta dell’azienda di adottare le strategie ritenute più  idonee per posizionarsi nel mercato dei servizi bancari. Ed hanno  argomentato come la decisione di chiudere le sedi toscane sia maturata dopo aver letto uno studio commissionato ad un  consulente esterno. Intanto trovano qualche conferma le voci ors di un interessamento di un’azienda toscana, la Bassilichi spa, che lavora anche nel segmento  dei servizi alle banche, ad assumere i dipendenti toscani e rilevare, così,  le sedi toscane di C-Global.

Articolo originale :

http://www.50canale.tv/index.php?option=com_content&view=article&id=6938:pisa-rinviata-la-decisione-sulla-c-global&catid=1:ultime-notizie

27 gennaio 2011 Posted by | Economia, Lavoro | , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Superenalotto, Parma e Pistoia si dividono 140 milioni

Torna il ‘6’ e si fa in due: nel concorso numero 17 del Superenalotto sono ben due le vincite di prima categoria, a Pistoia e Parma, ognuna da 69,5 milioni di euro. Il montepremi era di 139, 1 milioni di euro.  Il ‘6’ mancava dallo scorso 22 agosto, quando a Bagnone fu centrata la più alta vincita nella storia dei giochi in Italia, pari a 147,8 milioni.

 La vincita realizzata a Pistoia è stata giocata presso la tabaccheria Paci situata in via del Lastrone, 15. A quanto si appreso si tratterebbe di un sistema. A Parma, invece, il 6 è stato indovinato presso la tabaccheria Bottini in via San Leonardo, 69, in frazione Centrotorri. In questo caso si tratterebbe di una “giocata secca”.

 Ecco la combinazione vincente: 20 22 24 40 51 80 Numero jolly 60 Superstar 82.

 LE STATISTICHE DELLA FORTUNA – Sono Campania e Lazio le regioni che nella storia del SuperEnalotto sono state maggiormente baciate dai ‘6’. Dati alla mano, Campania e Lazio sono ad oggi le uniche regioni andate in doppia cifra, rispettivamente con 15 e 14 vincite di prima categoria.

In terza posizione Puglia e Emilia Romagna (9), Toscana (8) Lombardia, Piemonte e Veneto (6). Le isole, Sardegna e Sicilia, possono contare su 4 vincite a testa, mentre la Calabria su 3, Abruzzo e Friuli su 2. Con un solo ‘6’ centrato troviamo invece Basilicata, Umbria e Marche, mentre la vincita di prima categoria in undici anni e mezzo non ha mai premiato Liguria, Molise, Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige.

10 febbraio 2010 Posted by | Articoli, Economia | , , , , , , , | Lascia un commento